Archivio di aprile 2009

Il quaderno dell’agronomo: messa a dimora

martedì, 28 aprile 2009

Trebbiano Spoletino - Il taglio

Anche questa volta, la lezione di agronomia è di Renzo…

Francesco

(continua…)

Il quaderno dell’agronomo: lo squadro

sabato, 25 aprile 2009

Trebbiano Spoletino - Squadro

Lo Squadro

Sul tema dello squadro non posso che farmi da parte e lasciare parlare Renzo, l’agronomo…

Francesco

(continua…)

Il quaderno dell’agronomo: erpicatura

mercoledì, 22 aprile 2009

Trebbiano Spoletino - Erpicatura

La preparazione del terreno

Vedete che terreno morbido e friabile? Beh, non lo abbiamo trovato proprio così quando lo abbiamo scelto per il nostro Trebbiano Spoletino. Come sempre per raggiungere il nostro scopo, ovvero preparare un letto piano per disporre le barbatelle in filari ordinati, ci siamo affidati alla tecnica e all’esperienza di Renzo, il nostro agronomo. Renzo ha addirittura “calcolato” il giorno in cui il terreno, al momento della lavorazione, sarebbe stato più asciutto in superficie e umido in profondità per avvicinarci il più possibile alle condizioni ideali per piantare il vigneto. (continua…)

Il quaderno dell’agronomo: la barbatella

mercoledì, 15 aprile 2009

Trebbiano Spoletino - Barbatella

La barbatella di Trebbiano Spoletino
La barbatella è una piantina, o meglio talea di vite di un anno circa, che ha messo le barbe ed è pronta per essere interrata.
La lunghezza della barbatella  va da un minimo di 40 fino ad un massimo di 45 cm circa. La struttura della barbatella è costituita da un portainnesto americano resistente alla fillossera (terribile insetto che attacca la vite) di lunghezza variabile dai 30 ai 40 cm comprese le radici, e dall’innesto vero e proprio (tralcio potato), da cui, nel tempo, si sviluppa tutta la vite. Per garantire la qualità della vite, le barbatelle possono essere acquistate solo da vivaisti – rivenditori autorizzati e certificati. Noi abbiamo le abbiamo acquistate dai VCR Vivai Cooperativi Rauscedo da ben ottanta anni impegnati nella ricerca in viticoltura e certificati ISO 9001.   (continua…)

Accade nei giorni di sole che…

venerdì, 10 aprile 2009

La messa a dimora del vigneto è un evento unico ed emozionante che decide delle sorti di un vino. Purtroppo solo gli addetti ai lavori possono godere di questo spettacolo.

Gli appassionati del buon vino infatti, conoscono solo l’essenza di un lavoro lungo, faticoso, in tutto legato ai capricci del tempo e delle stagioni. Un lavoro che si basa anche sulla tecnica, sull’esperienza e su un rapporto di profonda empatia con il territorio.
Dunque, sapete come viene messo a dimora un nuovo vigneto? Ecco a voi quello che abbiamo fatto con il nostro Trebbiano Spoletino.
(continua…)

Il lungo cammino del Trebbiano Spoletino

mercoledì, 1 aprile 2009

Già sappiamo che questa esperienza avrà il sapore della fatica. Quella fatica che, quando viene sera, ti fa sentire bene perchè è maturata con il lavoro all’aperto, in quel pezzo di terra che ami, nel silenzio del vigneto che stai crescendo.
Ogni produttore di vino appassionato, che  pianta una barbatella, vive  un’emozione lenta e paziente. Per almeno tre anni, sopporterà con dedizione e tenacia, fino alla prima vendemmia, fino alla prima bottiglia del nuovo vino.

(continua…)